Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.
Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Le confraternite nel territorio piacentino

La confraternita è un’unione di fedeli, costituita con decreto formale dell'autorità ecclesiastica, organizzata gerarchicamente, che ha per scopo l'esercizio di opere di pietà o di carità e l'accrescimento del culto pubblico; ha sede in una chiesa, in un oratorio o in una cappella. La storia delle confraternite è molto antica: già dai primi secoli del cristianesimo, molti fedeli sentono la necessità di unirsi nella preghiera e nella carità. Per alcuni di essi tale desiderio prende forma nella vita religiosa nelle comunità monastiche; per quelli invece che non vogliono rinunziare alla famiglia ed alla vita del mondo, nascono alcune unioni che hanno, in parte, gli stessi scopi spirituali e di pietà.

Presso gli archivi parrocchiali di Niviano e Pieve sono stati rinvenuti documenti, editti su manifesti vescovili e papali relativi a Giubilei, indulgenze e comportamenti religiosi, del 1700 e 1800, che si riferiscono alla presenza in sede di diverse confraternite.

Le confraternite presenti sono diverse di cui le più conosciute – e più riccamente documentate - sono la “Confraternita di San Rocco”, legata alle epidemie di peste e la "Confraternita della Santissima Trinità e Redenzione degli Schiavi".

Il Priore della Chiesa romana di San Lorenzo in Lucina indirizza questo documento alla Chiesa di Santo Stefano di Niviano

Atto d'istituzione della Confraternita - anno 1720

Documento detto “Sommario dell’indulgenze concesse da Sommi Pontefici”

Indulgenziario - anno 1724

Lettera scritta nell’anno 1761 in cui si chiede la benedizione degli scapularia dell’Ordine e la possibilità si celebrare delle processioni

Lettera anno 1761

Lettera all’Illustrissimo e Reverendissimo Monsignore

Lettera anno 1791

Lettera inviata da Fra’ Michele della Purificazione, procuratore generale al Reverendo Cappellano di Niviano, 18 giugno 1791

Lettera anno 1791

Il Priore generale della Confraternita indica le modalità con cui si possono ottenere le indulgenze

Rescritto del priore generale della Confraternita

Libro dove sono notati i Fratelli e le Sorelle della congregazione della Santissima Trinità

Registro anno 1794

Nomi e cognomi delle Sorelle della confraternita della Beata Vergine Addolorata e della Redenzione degli schiavi residenti nella frazione di Niviano

Elenco anno 1836

Eventi

Grafie e segni di libertà. Opere dal 1950 al 1980. Mostra dedicata al pittore Ludovico Mosconi nel trentennale della sua scomparsa. Auditorium “Casa del Popolo” di Rivergaro dal 16 luglio al 3 settembre 2017

Mostra "Grafie e segni di libertà" Ludovico Mosconi

Il ricavato dalla vendita dei cataloghi della mostra "immagini e documenti raccontano..." è stato donato alla parrocchia di Ottavello per il restauro del "Martirio di San Bartolomeo"

Restauro "Martirio di San Bartolomeo"

In mostra documenti e opere d'arte dalle chiese e dagli archivi parrocchiali della Val Trebbia. Casa del Popolo fino all'11/9/2016. Inaugurazione 16 luglio ore 21

Mostra "Immagini e documenti raccontano"