Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.
Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

3 Bis Ottavello Martirio SLorenzo

Martirio di San Lorenzo (G. Gatti - 1599)

Chiesa di S. Bartolomeo - Ottavello

Descrizione

   

Olio su tela

San Lorenzo è raffigurato nell’atto di essere posto sulla graticola dai suoi carnefici; militi e altri astanti osservano la scena. Secondo Ferdinando Arisi la composizione della scena deriva da una incisione di Cornelis Cort. In basso a sinistra è posto un cartiglio illeggibile.Il dipinto fu commissionato a Gervasio Gatti nel 1595 dai monaci di San Sisto, insieme al Martirio di San Bartolomeo di cui alla scheda seguente. Dall’atto cinquecentesco si evince che le tele erano destinate ad “acconciare le due cappelle contigue ai lati del santuario con due ancone riguardevoli” (Arisi 1977, p. 272). Il Carasi (1780) ne ricorda la collocazione negli appartamenti degli Abati; in seguito, nella prima parte dell’Ottocento, entrambe le opere furono trasferite a Ottavello su interessamento dal benedettino Gregorio Gulieri, membro della famiglia che si occupò di far ricostruire la chiesa. Il Gatti, pittore cremonese legato alla committenza farnesiana e frequentemente attivo a Piacenza, dipinse per San Sisto anche la tela con San Benedetto e San Mauro che incontrano re Totila; in San Giovanni in Canale si conserva invece la Circoncisione di Gesù Bambino (1585).

   

Autore

    Gervasio Gatti (Cremona 1549-1631)    

Periodo

    1599    

Collocazione

         

Misure

     cm.280x192    

Stato di conservazione

         

Provenienza

     Chiesa di San Sisto - Piacenza    

Note

         

Eventi

Grafie e segni di libertà. Opere dal 1950 al 1980. Mostra dedicata al pittore Ludovico Mosconi nel trentennale della sua scomparsa. Auditorium “Casa del Popolo” di Rivergaro dal 16 luglio al 3 settembre 2017

Mostra "Grafie e segni di libertà" Ludovico Mosconi

Il ricavato dalla vendita dei cataloghi della mostra "immagini e documenti raccontano..." è stato donato alla parrocchia di Ottavello per il restauro del "Martirio di San Bartolomeo"

Restauro "Martirio di San Bartolomeo"

In mostra documenti e opere d'arte dalle chiese e dagli archivi parrocchiali della Val Trebbia. Casa del Popolo fino all'11/9/2016. Inaugurazione 16 luglio ore 21

Mostra "Immagini e documenti raccontano"